Mattarella gliene ha dette quattro

La riforma della legittima difesa ottiene la firma del Presidente della Repubblica, ma accompagnata da una “lettera” che ne evidenzia gli aspetti più problematici. E’ forse riemersa la memoria del Mattarella giudice costituzionale? Qual è il valore giuridico di questo atto? Quale l’obiettivo, politico o anche mediatico? Indirizzare i giudici o risparmiare la malferma alleanza di governo? Interrogativi posti nella conversazione tra Giuliano Dominici e Vinicio Nardo.

Leave a reply