Ilva: giocatori e arbitri.

Giovanni Maria Flick e Vinicio Nardo su come conciliare ambiente, lavoro, sicurezza e iniziativa imprenditoriale.
È la Corte Costituzionale che deve soppesare i valori in gioco, l’immunità è un precedente pericoloso.
Ma il tempo è tiranno ed il “rischio legale” spaventa gli investitori nazionali ed esteri.
Intanto la magistratura di Taranto si vede insidiata dalla Procura di Milano che scende in campo con un ruolo tutto da scoprire.
Mentre sale nel Paese la voglia di automatismi e di limitare la discrezionalità dei giudici.

Leave a reply